Come pulire e mantenere un casco da moto

Acquistare un casco di buona qualità non è sufficiente. Certamente si tratta di un ottimo inizio ma occorre poi continuare a mantenere il casco da moto nelle migliori condizioni possibili. Ciò significa che bisogna pulire regolarmente il casco e soprattutto osservarlo bene.

Forse ti sarà capitato che il tuo casco sia caduto per terra e magari non ci hai fatto nemmeno troppo caso. In realtà le cadute accidentali o i piccoli segni, che siano piccole crepe o micro rotture, sono segnali da non sottovalutare poiché possono minare la stabilità del casco e soprattutto la sua capacità di proteggere chi lo indossa.

Ma come fare per pulire efficacemente un casco? Innanzitutto bisogna bandire ogni detergente eccessivamente aggressivo o, peggio ancora, corrosivo. Il casco è costituito da materiali pregiati, che non devono essere in alcun modo alterati. Scegli poi un panno delicato, magari in microfibra, per poter pulire casco e visiera senza danneggiarli troppo. Ci sono poi alcuni modelli di casco che consentono di staccare l’imbottitura esterna, per poterla lavare. In questi casi occorre leggere bene le istruzioni di lavaggio riportate sull’etichetta del casco o sul libretto illustrativo. Soltanto in questo modo infatti si potrà evitare di danneggiare o ridurre notevolmente la capacità protettiva del casco stesso.

Nel caso in cui l’interno non sia staccabile, lo si può comunque punire con un panno umido e un detergente delicato, avendo cura di far asciugare bene l’imbottitura. In questo modo di eviterà la formazione di cattivi odori o di muffa. Insomma la pulizia e la manutenzione del casco sono davvero alla portata di tutti e possono essere effettuate quando si vede che il casco da moto è molto sporco, ma anche con una certa regolarità per consentire il massimo della visibilità e del benessere per chi lo indossa. Pochi piccoli trucchi e il casco sarà sempre efficiente e come nuovo.
Fonte: cascomoto.org